GPLiberazione

 Gran Premio della Liberazione, il presidente Novelli ringrazia

“Edizione bella, il successo nasce dalla collaborazione di tutti”

 

Desidero rivolgere un sentito GRAZIE a coloro che hanno reso possibile il successo del 71° Gran premio della Liberazione.

            Ringrazio la Presidenza della Repubblica e della Camera dei Deputati per le medaglie concesse alla nostra società e dai noi assegnate al corridore più combattivo e alla società del vincitore.

Ringrazio il presidente FCI Renato Di Rocco e i commissari tecnici Davide Cassani, Marino Amadori, Dino Salvoldi, Fausto Scotti e Mario Valentini. Mauro Antonio Pirone presidente del comitato FCI del Lazio e Mauro Tanfi  presidente del comitato FCI della provincia di Roma: tutti presenti alle Terme di Caracalla.

Ringrazio le altre istituzioni che ci sono state vicine: il CONI nelle persone del presidente Giovanni Malagò e del segretario generale Roberto FabbriciniMarta Bonafoni consigliere della Regione Lazio e Roberto Tavani (segreteria politica della presidenza); la presidente del Municipio Roma Uno Centro Sabrina Alfonsi.

Ringrazio Alessandra Bomboni, figlia di Eugenio, e la mamma Antonella; Marie Claude compagna di Marco Troiani, la sorella di Marco, Tullia per l’affetto e la disponibilità dimostrateci in questo periodo e la loro presenza il 25 aprile; Donato Rapito venuto anche quest’anno dalla sua Puglia per essere vicino a noi; Franco Baldella e Peppino Battistoni, storici angeli custodi di Primavera Ciclistica, e il fotografo Tonino Giuliani, testimone con i suoi scatti fotografici degli ultimi trent’anni del Gran Premio della Liberazione.

Ringrazio Angelo Zomegnan e la sua società InnovAction11: senza la sua caparbietà e le esperienze organizzative, non avremmo neanche fatto un giro del circuito.

Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato alla riuscita della manifestazione: Michael Massa che ha organizzato la sicurezza del percorso e l’area ospitalità; Stefano Bertolotti e Albertino che hanno reso briosa l’attesa dell’arrivo della corsa; Cicli Lazzaretti con Mario e Simone Carbutti per il Liberazione Pink e il campionato italiano amatori; l’AS Roma Ciclismo con il presidente Lorenzo Baldesi in testa, Tony Vernile e i genitori che hanno portato tanti bambini alla gimkana loro riservata; il medico di gara e gli infermieri; il personale delle scorte tecniche e organizzative affinché tutto funzionasse alla perfezione; i commissari di giuria, giornalisti, fotografi, operatori radio e tivù, Salvatore Belardo e il suo personale per l’allestimento e i volontari tutti: se questa due giorni di ciclismo ha saputo attrarre un bel numero di gente appassionata è anche merito della loro alacrità.

Un grazie ai nostri sponsor: LaClassica; Lampre Merida, Fsa, Cardiac Science che hanno reso per la prima volta in Italia il circuito cardioprotetto con i loro defibrillatori, l’Agenzia Regionale del Turismo Promozione Puglia, Valtellina, Alpiq, Himoving Sport e, ultima ma non meno importante, Bike Channel che trasmette le fasi salienti della manifestazione.

Un grazie soprattutto ai corridori , ai loro tecnici e ai loro dirigenti: senza di loro e senza lo spettacolo che hanno offerto lungo i 23 giri del circuito per quasi tre ore e mezzo, il Gran Premio della Liberazione non sarebbe possibile.

 

Il presidente Primavera Ciclistica

Andrea Novelli

#GPLiberazione

#GPLiberazione2016



 

GPLiberazione

 

ORDINE DI ARRIVO UFFICIALE

 

 

#GPLiberazione

#GPLiberazione2016



 

GPLiberazione

DOMANI SI CORRE IL GRAN PREMIO DELLA LIBERAZIONE,

LA PRIMA CORSA INTERAMENTE CARDIO-PROTETTA IN ITALIA

  • Al via 35 squadre, italiane e straniere
  • Previste iniziative e aree attrezzate per bambini e ragazzi

 

Roma, 24 aprile 2016 – Ancora un giorno di attesa e prenderà il via la 71^ edizione del Gran Premio della Liberazione, il “Mondiale di Primavera degli Under 23” organizzato dal Velo Club Primavera Ciclistica.

Sulla linea di partenza – il via alle ore 14 –  è prevista la presenza di 35 squadre, italiane e straniere, che gareggeranno sullo storico circuito della manifestazione, tra le Terme di Caracalla, Porta Ardeatina e Porta San Paolo per un totale di 138 chilometri (23 giri da 6 km).

Questa edizione del “Liberazione” sarà il banco di prova per una assoluta novità per il ciclismo in Italia. Per tutelare la salute degli atleti in gara, gli organizzatori hanno previsto la presenza lungo tutto il tracciato di operatori specializzati del CSI, dotati di defibrillatore portatile, pronti a intervenire in caso di emergenza: la corsa sarà interamente cardio-protetta.

La giornata di domani sarà aperta alle 9:15 dal Gran Premio della Liberazione Pink, gara internazionale femminile (16 giri del circuito di 6 chilometri, per un totale di 96 km).

Per i giovanissimi appassionati di ciclismo presenti all’evento, per il quinto anno, l’AS Roma Ciclismo ha predisposto un’area con circuiti promozionali per bambini e ragazzi e il Campionato Regionale F.C.I. Lazio 2016 Giovanissimi della specialità Gimkana.

 

ELENCO PARTENTI

 

#GPLiberazione

#GPLiberazione2016

GPLIberazione

VINCENZO ALBANESE VINCE IL GRAN PREMIO DELLA LIBERAZIONE

Italia sul gradino più alto del podio dopo 4 anni

Secondo posto al kazako Grigoriy Shtein, terzo Francesco Castegnaro

Vincenzo Albanese della Hopplà Petroli Firenze ha vinto la 71esima edizione del Gran Premio della Liberazione, storica corsa ciclistica capitolina – conosciuta come il “Mondiale di Primavera degli Under 23” – organizzata dal Velo Club Primavera Ciclistica.

Il corridore italiano si è imposto in un’avvincente volata con il kazako Grigoriy Shtein della Astana City – i due sono andati in fuga a 3 giri dalla fine – riportando l’Italia sul gradino più alto del podio a quattro anni dal successo di Enrico Barbin. “Azzurro” anche il terzo posto, conquistato da Francesco Castegnaro del Team Palazzago Amaru.

Con questo successo, il 19enne corridore salernitano ha confermato il feeling con il circuito delle Terme di Caracalla: nel 2014, vinse il Trofeo Lazzaretti juniores; l’anno scorso, invece, si classificò nono al “Liberazione”.

Sognavo da tempo di vincere questa corsa – ha dichiarato Albanese –  Devo ringraziare la mia squadra per il grandissimo sostegno. Il segreto di questo successo? Per arrivare primi bisogna conoscere bene le curve e rilanciare più volte la bici. Sullo strappo di viale Giotto sono riuscito a fare la differenza: prima ho ripreso il gruppo in fuga, poi io e il mio avversario kazako abbiamo dato vita a un finale avvincente. Spero che questo primo posto mi aiuti a essere convocato in nazionale dal CT Cassani”.

Oltre alla Medaglia del Presidente della Repubblica per il primo classificato, consegnata ad Albanese, e al Trofeo del Presidente della Camera (per il secondo posto), vinto da Shtein, sono stati consegnati altri due riconoscimenti; il “Memorial Eugenio Bomboni” – storico patron del “Liberazione” mancato lo scorso agosto – è andato a Shtein, indicato come atleta più combattivo della corsa; il “Memorial Marco Troiani” – figura storica della Primavera Ciclistica – è stato assegnato a Leonardo Gigli, direttore sportivo della Hopplà Petroli Firenze, squadra vincitrice del “Liberazione”.

La festa del ciclismo del “Liberazione” ha visto la partecipazione di moltissime persone, arrivate sin dal mattino alle Terme di Caracalla.  La giornata, infatti, è stata aperta alle 9 dalla prima edizione del Gran Premio della Liberazione Pink, gara femminile internazionale vinta in volata da Marta Bastianelli,  che ha precedutlo Kimberly Wells, Arianna Fidanza, Sofia Bertizzolo e Sofia Beggin. La Bastianelli ha percorso gli 84,6 km del tracciato in 2 ore, 17 minuti e 16 secondi, andando a una velocità media di quasi 37 km/h.

VINCENZO ALBANESE VINCE IL GRAN PREMIO DELLA LIBERAZIONE

ORDINE D’ARRIVO 71°GRAN PREMIO DELLA LIBERAZIONE

1° Vincenzo Albanese (Hopplà Petroli Firenze) 138 km in 3.22’57” media 40,798 km/h

2° Grigoriy Shtein (Kaz, Astana City)

3° Francesco Castegnaro (Team Palazzago Amaru) a 34”

4° Seid Lizde (Team Colpack) a 35”

5° Carmelo Foti (Cipollini Iseo Serrature)

6° Filippo Rocchetti (Zalf Desirèe Fior)

7° Riccardo Donato (Selle Italia Cieffe Ursus)

8° Alessandro Bresciani (Gallina Colosio Eurofeed)

9° Andrea Montagnoli (Hopplà Petroli Firenze)

10° Giulio Branchini (Team Palazzago Amaru)

 

#GPLiberazione

#GPLiberazione2016